Venezia d'Inverno

Venezia, veneto

Per serenissime vacanze. Non c’è una stagione ideale per visitare Venezia. Città magica per eccellenza, Venezia ha ispirato nei secoli le menti e i cuori di chi ha vissuto la sua atmosfera affascinante. Amata e a volte anche odiata, non può lasciare indifferenti. In Morte a Venezia di Thomas Mann il narratore descrive la città così come la vede Aschenbach, il protagonista del romanzo, mentre si avvicina ad essa, arrivando dal mare: “Ecco lì ancora una volta davanti a lui, l’approdo indescrivibile, l’abbagliante insieme di fantastiche costruzioni che la Serenissima offriva allo sguardo ammirato del navigatore in arrivo: la meraviglia lieve del Palazzo e del Ponte dei Sospiri, le due colonne sulla riva col leone e il santo, il fianco splendente del tempio favoloso, la prospettiva dell’arco e dell’orologio dei Mori.”, e più avanti: “Questa era Venezia, bellezza adescatrice ed equivoca; città di fiaba e trappola per forestieri…” (1970, A.Mondatori Ed. S.p.A., Milano).

Visitare Venezia d’inverno significa conoscerla in un veste più intima e meno scontata, lontana dal frastuono chiassoso del turismo estivo. Il visitatore diventa meno turista e più ospite, più esploratore alla scoperta di quei segreti che si nascondono in quella sorta di labirinto fatto di calli e campielli, fra i canali che lambiscono un intricato concatenarsi di costruzioni e in cui scivolano lievi le gondole… Perché Venezia è tutta da scoprire in un periodo dell’anno che concede il lusso della tranquillità, lontano dal ritmo stressante della vita di tutti i giorni.

Venezia è città dell’Arte con le sue bellezze architettoniche, che ne fanno un museo a cielo aperto; con i suoi numerosi musei in cui sono contenute opere d’arte di grandissimo valore artistico; con le sue rappresentazioni teatrali al teatro de ‘La Fenice’; con ‘La Biennale di Venezia’ uno degli eventi mondiali più importanti per l’Arte Contemporanea; con il ‘Festival di Venezia’ una fra le manifestazioni cinematografiche più importanti nel panorama mondiale; e poi c’è la musica classica, sinfonica e da camera in particolar modo, che si sposa a meraviglia con la scenografia e l’anima di questa città.
Ed è anche Città degli Innamorati, che si offre generosa all’intimità e allo spirito sognante di chi cerca silenzio e magia. E Venezia è anche divertimento con i suoi locali e il suo Casinò, e uno degli eventi più coinvolgenti e originali dell’anno nel mondo, il suo Carnevale, le cui maschere tipiche lo rendono un avvenimento unico e inimitabile.

Una visita a Venezia può cominciare dal Ponte di Rialto, una costruzione in pietra della metà del ‘500, che unisce le due rive opposte del Canal Grande, diviso in tre rampe da 2 due file di negozi, unite al centro da altrettante arcate, e che immette nella strada più accattivante di Venezia, la Merceria, un susseguirsi di negozi esclusivi che conducono in Piazza San Marco. La piazza è spettacolare nelle sue dimensioni e nelle architetture che la delimitano, affacciandola su un lato verso la laguna. Si accede nella piazza da via della Merceria passando sotto un portico, al di sopra del quale si erge il Campanile dell’Orologio sulla cui sommità due Mori battono le ore. Ai lati della piazza le Procuratie Vecchie e Nuove poggiano su lunghi portici, sotto i quali si trovano i famosi Caffè settecenteschi. La Basilica è sovrastata da cinque grandi cupole, che riprendono il motivo della facciata divisa in due parti, ciascuna con cinque grandi arcate. Su quella superiore poggia una quadriga con cavalli in bronzo, d’epoca bizantina. Vale sicuramente la pena visitare l’interno della cattedrale, per ammirare i suoi stupendi mosaici e salire in cima alla torre da cui si gode uno stupendo panorama. Lo stesso vale per il Palazzo Ducale, costruzione realizzata in diverse epoche e per questo motivo caratterizzata da una straordinaria stratificazione di elementi costruttivi e decorativi, antica residenza del Doge che ospita al suo interno opere di grande valore artistico tra cui opere di Tiziano, Tintoretto, Veronese e Tiepolo, e interessanti da vedere anche l’armeria e le prigioni.

Merita una visita, per gli amanti dell’arte, Ca’Corner dei Leoni sede della Peggy Guggheniem Collection, in cui sono raccolti dipinti di De Chirico, Pollock, Mondrian, Balla, Mirò, Picasso, Kandinskij e Ernst.
E ancora la Galleria dell’Accademia dove sono esposte le opere dei maggiori esponenti della pittura veneta, dal 1300 al 1800.

Per chi si concede qualche giorno in più, non può non approfittare di qualche giro in battello per una visita all’isola di S.Giorgio, da cui si gode una splendida vista del Bacino San Marco, oppure per le isole di Murano e Burano, famose per la loro produzione artigianale rispettivamente di oggetti in vetro e di merletti, per i quali sono famosi in tutto il mondo.

Venezia in Vista diretta:
<a href="http://www.viagginrete-it.it/webcam/goto.asp?id=54">Web Cam in diretta sul Canal Grande</a>

<a href="http://www.viagginrete-it.it/webcam/goto.asp?id=200">Web Cam sul Ponte di Rialto</a>

Per sapere di più su Venezia, i suoi monumenti, le manifestazioni e gli eventi:

<a href=" http://www.viagginrete-it.it/urlesterno.asp?url=http://www.turismovenezia.it/dynalay.asp?PAGINA=1394"> www.turismovenezia.it </a>

<a href=" http://www.viagginrete-it.it/urlesterno.asp?url=http://www.venezia.net/venezia/attuale.htm"> www.venezia.net </a>

Pubblicato: 22/12/2005 Letto: 11065 volte