Primavera in Sardegna, un’esplosione di colori

Sardegna

A tutta natura. Siete sicuri che sia l’estate la stagione più adatta per le escursioni in barca, le passeggiate in spiaggia e le escursioni sotto al sole? Allora lasciatevi sorprendere dalla primavera in Sardegna!
La stagione che è appena iniziata è la migliore per chi desidera rilassarsi lontano dal caos, per gli amanti della natura e per chi non vuole lasciarsi sfuggire le prime giornate di sole restando seduto davanti alla sua scrivania.

La profumata e variopinta macchia mediterranea tra marzo e giugno offre scenari che i vacanzieri estivi non possono nemmeno immaginare. Tutto si tinge di colori vividi ed un mantello verde smeraldo ricopre le colline e le pianure che in estate, normalmente, sono inaridite dal sole.

In questo periodo dell’anno si può apprezzare la Sardegna più vera, non solo quella del mare cristallino e delle baie assolate, ma quella dei paesaggi incontaminati, degli odori più intensi, delle tradizioni che pervadono ogni aspetto della vita quotidiana.

Il paesaggio è quello tipico dell’Irlanda ma le temperature sono nettamente più alte e le ore di sole sono talmente tante che ogni giorno è possibile svolgere numerosissime attività cosicché una semplice vacanza può trasformarsi ogni volta in un’avventura indimenticabile.

Tra questa attività le più affascinanti sono:
- Il trekking tra colline, pinete, stagni ed alte scogliere. Celebri zone adatte al trekking sono il Canyon di Gorropu, il Supramonte Ogliastrino, il Gerrei, la Barbagia di Seulo, il Gennargentu Ogliastrino, la Barbagia, i Tacchi d'Ogliastra, il Goceano, il Gennargentu, il Sarcidano, l’Iglesiente, le Baronie ed il Guilcer Barigadu Mandrolisai.
- L’arrampicata o climbing nelle zone di Alghero, Porto Torres, Capo Testa, Cala Gonone, Dorgali, Baunei, Jerzu, Isili, Villacidro, Domusnovas, Punta Pilocca, Buggerru, Masua, Carloforte, Cagliari, Rio Cannas e Quirra.
- L’ippica sui numerosissimi sentieri sparsi su tutta l’isola
- La mountain bike
- Il golf

Da non dimenticare il turismo culturale con i più interessanti musei: Museo di S’Abba Frisca a Dorgali, Museo del Pastore a Fonni, Museo delle Maschere a Mamoiada, Paese-museo di Orgosolo, Acquario di Cala Gonone, Museo archeologico nazionale di Cagliari, Museo delle Ferrovie della Sardegna a Monserrato, Museo del Carbone a Carbonia e l’Aquarium di Alghero.

Certo, in primavera le acque risentono ancora delle temperature rigide notturne perciò risultano ancora troppo fredde per i lunghi bagni e le immersioni ma si possono effettuare ugualmente gite in barca o in kayak e canyoning lungo i corsi d’acqua più stretti ed impervi.

Inoltre i prezzi in questo periodo dell’anno sono tra i più convenienti ed è molto più semplice trovare un posto economico per viaggiare in traghetto o una sistemazione conveniente nelle numerose strutture turistiche che punteggiano tutte le zone costiere.

Cosa aspetti? Cerca la struttura più adatta alle tue esigenze:
http://www.viagginrete-it.it/regioni/regionesardegna.asp

[ Autore: Ilaria Frapiccini ] Pubblicato: 02/04/2013 Letto: 2941 volte