Mare cristallino e relax sulle spiagge dell’Argentario

Monte Argentario, Toscana

La Costa d’Argento in primavera. La Costa d'Argento è l’area che si affaccia sul Mar Tirreno occupando l'estremità meridionale della Toscana, in provincia di Grosseto.
Questo tratto di costa deve il suo nome al promontorio del Monte Argentario che penetra nel mare in corrispondenza delle isole del Giglio e Giannutri.
Le località balneari che punteggiano questo splendido tratto di costa sono tutte famosissime: Talamone, Fonteblanda, Albinia, Giannella, Porto Santo Stefano, Porto Ercole, Orbetello, Ansedonia e Capalbio.

Nato come isola, l’Argentario è oggi unito alla terraferma grazie ai tomboli naturali della Giannella e della Feniglia che formano la pittoresca Laguna di Orbetello.
Il Tombolo della Giannella è un lembo di terra lungo 6 km circa, caratterizzato da una lunghissima spiaggia di sabbia dorata e da acque estremamente limpide e poco profonde.
La Feniglia è l'istmo sabbioso che collega Ansedonia alle pendici dell'Argentario. Vi sorge una suggestiva spiaggia di sabbia selvaggia ed incontaminata perché immersa in uno scenario naturalistico costituito da pinete, macchia mediterranea, eriche, mirto e gigli di mare.

Sempre nel territorio di Orbetello si trovano le località di:
- Talamone. Posizionato su un piccolo promontorio ospita numerose calette molto caratteristiche. La più particolare è "Bagno delle Donne", una spiaggia di ghiaia con un mare turchese, situata sotto la rocca fortificata e raggiungibile attraverso una stradina sterrata. E’ il luogo ideale per gli amanti dello snorkeling, della vela, del wind e del kite-surf.
- Fonteblanda. Le spiagge di Bengodi, dell'Osa e della Puntata sono rinomate e attrezzate spiagge di sabbia morbida e dorata, cinte da una fresca pineta verde smeraldo.
- Albinia. Località che si affaccia sulla Laguna di Orbetello, famosa per le saline e per il Forte delle Saline, una struttura quadrangolare, con annessa, sul lato rivolto verso il mare, una torre coperta.
- Ansedonia. Ospita due spiagge, una si affaccia sull’Argentario e rappresenta la zona finale del tombolo della Feniglia con l’inconfondibile pineta, l’altra in direzione di Capalbio. Sono entrambe sabbiose e sicure il quanto la profondità dell'acqua si mantiene bassa per parecchi metri.

Porto Santo Stefano è, invece, il capoluogo del comune di Monte Argentario ed è riconoscibile grazie ai suoi due porti che ospitano sia i traghetti diretti alle isole del Giglio e Giannutri, sia numerosi yacht privati. Attraverso una strada panoramica si possono raggiungere alcune calette immerse nel verde come Bagni di Domiziano, La Soda, La Cacciarella, Cala Grande, Cala Piccola, Cala del Gesso, Le Cannelle, Mar Morto e Pozzarello. L’accesso al mare è arduo, ma la bellezza delle calette ripaga ogni sforzo.

Porto Ercole dal 2014 è inserito nella lista dei Borghi più belli d’Italia grazie al suo carattere di borgo marinaro dominato dal pittoresco Forte Filippo e dalla maestosa Rocca Aldobrandesca.
Le spiagge più famose di Porto Ercole sono Acqua Dolce, Le Viste e Spiaggia Lunga.

Capalbio, premiato con le 5 vele e la prima posizione nella Guida Blu di Legambiente-Touring Club Italiano 2007 per la tutela delle spiagge, del paesaggio e dell'ambiente circostante, offre circa 6 km di spiaggia libera delimitata da macchia mediterranea formata prevalentemente da ginepri.
Le spiagge: Chiarone, Le Marze e Macchiatonda, sono tutte sabbiose, ma con colori che variano dal dorato, al nero della sabbia ferrosa.
Playa La Torba, nel comune di Capalbio, è una caratteristica spiaggia ferrifera color grigio scuro. In questa zona il litorale è privo di scogli, la spiaggia è ampia e sono presenti sia stabilimenti balneari che ampie zone di spiaggia libera.

Il comune di Monte Argentario si è aggiudicato nel 2014 la Bandiera Blu della FEE per le spiagge di: Cala Piccola - Porto Ercole (Le Viste) - Porto Santo Stefano (Cantoniera - Moletto - Caletta) e Santa Liberata (Bagni Domiziano - Soda - Pozzarello).

[ Autore: Ilaria Frapiccini ] Pubblicato: 01/05/2015 Letto: 5125 volte