InterRail, cos’è, come organizzarsi e cosa mettere in valigia

Consigli utili per un viaggio zaino in spalla. Il viaggio in InterRail è un’opportunità unica per entrare nel cuore di un paese, per attraversarlo, ammirarlo, conoscerlo in profondità, ma anche per guardarsi dentro, per scoprire sé stessi ed allargare i propri confini.
L’esperienza in InterRail, infatti, non è fatta solo di spostamenti in treno e di soste nelle città più interessanti, ma rappresenta la possibilità di affrontare un Viaggio vero, che si fa con il cuore e con la mente oltre che con i mezzi di trasporto.

Cos’è l’InterRail?
E’ uno speciale biglietto ferroviario che permette di viaggiare in tutta Europa a prezzi particolarmente convenienti, soprattutto per i giovani sotto i 26 anni.
Sono disponibili due tipi di pass:
- L’InterRail Global Pass
- L’InterRail One Country Pass
Il primo è valido per tutte le ferrovie nazionali dei 30 paesi che hanno aderito (Austria, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Repubblica di Macedonia, Montenegro, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Turchia).
Acquistando il secondo, invece, si può viaggiare all'interno di uno solo dei suddetti Paesi.

Come prepararsi ad un viaggio in InterRail?
- Per prima cosa occorre creare il proprio itinerario e decidere la durata del viaggio, poi è necessario stabilire quanti giorni effettivi di viaggio sono necessari a coprire l’intero percorso.
Tenete presente che per visitare le città più importanti dei maggiori Paesi europei (Francia, Germania, Gran Bretagna, Polonia e Spagna) occorrono almeno 15 giorni in totale e almeno 7 giorni di viaggio.
Fatto questo siete pronti per acquistare il biglietto online (http://italiano.interrailnet.com/enit/) che vi sarà inviato gratuitamente tramite raccomandata.
- Per assaporare a pieno il gusto di un viaggio in InterRail è d’obbligo soggiornare presso gli ostelli, questi sono numerosissimi in ognuno dei Paesi elencati sopra, sono di gran lunga meno costosi rispetto alle altre strutture turistiche e soprattutto permettono di entrare in contatto con viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo, con la loro lingua, il loro background e le loro affascinanti abitudini.
Generalmente si può trovare alloggio negli ostelli anche senza prenotare ma se si decide di affrontare il viaggio in alta stagione è consigliabile verificare la disponibilità delle strutture prima della partenza per non ritrovarsi a dover camminare di notte per chilometri e chilometri in una città sconosciuta e con 50 kg in spalla.
Un buon sito per ricercare ostelli in tutta Europa è quello dell’InformaGiovani: http://www.informagiovani-italia.com
Se avete qualche dubbio e volete confrontarvi con chi ha già provato quest’esperienza o cercare compagni di viaggio, potete iscrivervi, invece, al social network di Viagginrete:
http://www.eviaggiatori.it

Cosa mettere in valigia?
Il viaggio in InterRail per definizione è privo di ogni confort, perciò la valigia, o meglio lo “zainone” da trekking, più pratico e più spazioso, non può contenere nulla di superfluo. Gli zaini ideali sono quelli da 60 o 80 litri, abbastanza maneggevoli e di dimensioni tollerabili.
Qualche giorno prima di partire informatevi sulle condizioni meteorologiche dei Paesi che visiterete, così potrete escludere gli indumenti troppo leggeri o troppo pesanti. Considerate che per due settimane di viaggio tre o quattro cambi possono essere sufficienti.. con un sapone a mano e un po’ di olio di gomito potrete lavare e riutilizzare qualunque indumento.. la vostra schiena vi ringrazierà!
Stilate una lista degli oggetti necessari, così eviterete spiacevoli dimenticanze, e ricordatevi di inserire nella lista: due paia di scarpe da ginnastica/trekking, medicinali, cerotti, documenti (carta d’identità, patente e tessera sanitaria) e fotocopie dei documenti, almeno due carte di credito e/o bancomat, un lucchetto, uno zainetto, un adattatore universale, un k-way abbastanza largo da coprire anche lo zaino, un lenzuolo a sacco, una federa ed un coltellino svizzero.

Beh.. ora che la valigia è pronta non resta che preparare voi stessi all'esperienza più emozionante, appagante, faticosa ed indimenticabile della vostra vita.
Buon Viaggio!

[ Autore: Ilaria Frapiccini ] Pubblicato: 10/09/2012 Letto: 7354 volte