La Germania dei Mondiali di Calcio

Germania

Il 2006 è l'anno dei mondiali in Germania, ottima occasione per un viaggio in una nazione che pur essendoci tanto vicina viene spesso sottovalutata come meta turistica. La maggior parte degli italiani legano ancora l'idea di viaggio alla vacanza estiva tutto mare, sabbia e sole; contemporaneamente persistono ancora dei forti pregiudizi su questa terra considerata, con il suo popolo, fredda e inospitale.
Per chi invece ha una maggiore apertura mentale e cerca in un viaggio la scoperta di paesaggi stupendi, di culture diverse, di gusti differenti, la Germania offre una vasta gamma di possibilità.

I Mondiali di calcio di Germania si svolgeranno dal 9/06 al 9 luglio 2006. La cerimonia di apertura si svolgerà a Monaco di Baviera il 9/06 e la finale si terrà a Berlino il 9 luglio.
Le partite dei Mondiali si disputeranno in diverse città dislocate un po’ in tutto il paese. L’Italia giocherà nel gruppo E, nelle città di Kaiserlautern, Amburgo, Hannover; la Germania giocherà a Monaco, Dortmund e Berlino. Altre città dei mondiali sono Gelsenkirchen, Francoforte, Lipsia, Colonia, Stoccarda e Norimberga. Si potrà vedere le partite da protagonisti negli stadi, oppure nelle piazze affollate sui maxischermi che verranno allestiti per l’occasione. In ogni caso si avrà l’occasione di vivere un’atmosfera travolgente e indimenticabile.Si può scegliere la zona da visitare in base alle partite che si preferisce seguire, oppure definire un percorso con delle tappe che vadano anche oltre l’evento dei Mondiali.

Dal Mar Baltico e il Mare del Nord alla Foresta Nera, passando per città ricche di storia come Berlino, la Germania lascia inaspettatamente affascinati i turisti che desiderano scoprirla. Partendo dal Nord del paese l’aspetto caratteristico del Mare del Nord è la mutevolezza del suo paesaggio, reso tale dall’alternarsi dell’alta e della bassa marea. Tutta la costa è balneabile e inoltre si possono visitare le isole di Sylt e di Helgoland, oppure si può passeggiare lungo il Wattenmeer, una striscia di terra che emerge con la bassa marea. Ad Est il Mar Baltico è più tranquillo, con le sue due isole Rűgen e Fehmarn e la possibilità della vela.
A nord una delle città toccate dai mondiali è Amburgo. Città con molto verde e molti corsi d’acqua, situata sul fiume Elba; da sempre una città aperta al mondo per via del suo porto da cui ogni giorno arrivano e partono navi per ogni destinazione. E’ una città benestante e le sue strade piene di grandi centri commerciali rendono molto bene l’idea. La grandezza di questa città è resa evidente anche dalla maestosità del palazzo del municipio. Molto conosciuto è il quartiere di St.Pauli, famoso per i locali notturni di ogni genere e per tutti i gusti. Da visitare ad Amburgo sono anche la chiesa di St. Michele, la Kunsthalle e la Speicherstadt.
Fra le città più importanti in cui si svolgeranno le partite, senza dubbio tappa obbligatoria per un turista, c’è Berlino. Tappa obbligatoria non in quanto capitale della Germania, ma per il fascino indiscusso di una città emblema e testimonianza della storia tedesca e europea del ‘900, che l’ha vista protagonista e le ha lasciato in eredità una serie di contrasti, più o meno marcati, che ne costituiscono ad oggi il suo fascino. Berlino ha tutti gli aspetti che caratterizzano una metropoli, le dimensioni, la vivacità, l’apertura mentale della gente, la multiculturalità, e le tante opportunità che offre nei più svariati settori. Berlino dopo la caduta del muro nel 1989, ha subito un lungo processo di rinnovamento urbanistico ed è ancora una città in continuo mutamento. Da vedere è la Porta di Brandeburgo; i resti del Muro; si può passeggiare per le vie dello shopping in Kudamm e Friedrichstraße e in via Unter den Linden, con i suoi palazzi ricchi di storia, si può fare una visita ad Alexanderplatz con la torre della Televisione, e anche al castello di Charlottenburg.

Scendendo verso il centro della Germania i Mondiali di Calcio toccano le città di Dortmund, di Lipsia, di Colonia e di Francoforte. L’Est della Germania è storicamente l’area industriale del paese. Le attività principali delle città del bacino della Ruhr ruotavano fino a pochi anni fa quasi esclusivamente intorno agli impianti siderurgici, agli altiforni e alle miniere di carbone. Negli ultimi anni con la crisi del settore le città stanno cambiando da più punti di vista, sia da quello urbanistico che da quello della vivibilità. Si è cercato di potenziare altri settori quali il terziario e il settore culturale con le Università, i Musei e i Teatri. Così oltre ai bellissimi scenari naturali che si possono ammirare appena fuori le città, sia in estate che in inverno, con i laghi, i castelli e i parchi naturali della regione, oggi anche le città acquistano un fascino proprio che va al di là dell’industria. Colonia è una città con una storia antichissima che affonda le sue radici in epoca romana di cui rimane testimonianza nei monumenti sparsi per la città. Importante centro industriale, fu quasi completamente distrutta durante la guerra come moltissime città tedesche. Il duomo della città è una bellissima costruzione gotica, monumentale da non perdere. Francoforte è invece la città della finanza tedesca ed europea. La città è sede della più importante borsa del paese e dal 1999 è sede anche della Banca Centrale d'Europa. Ma Francoforte è anche la città di Wolfgang Goethe, la cui casa è oggi un museo, che insieme agli altri musei che si affacciano sul fiume Reno conferiscono alla città anche un’interessante lato culturale.

Ad Est troviamo Lipsia. Città importante dal punto di vista commerciale e politico, è stata testimone e protagonista nel corso della sua storia di importanti eventi, quali la Battaglia delle Nazioni del 1813, che vide Napoleone sconfitto e ricacciato in Francia. A Lipsia si svolgono numerose fiere e la città è un’importante centro culturale per la musica e per il libro con le sue biblioteche, le sue esposizioni internazionali e la sua università con facoltà di arte libraria; ed è anche un importante centro finanziario, per la sua posizione centrale e quindi strategica per la Germania e anche per l’Europa.

Scendendo ancora si arriva ad Ovest fin nella Foresta Nera e ad Est in Baviera. In occasione dei Mondiali non si può non cogliere l’occasione di trascorrere qualche giorno nella regione più visitata dai turisti in Germania. Le città di questa regione coinvolte nella manifestazione dei Mondiali sono due Norimberga e Monaco. Norimberga è stata protagonista della storia del secolo scorso. Hitler l’aveva scelta come sede dei congressi del partito nazionalsocialista. Qui furono promulgate le prime leggi razziali ed è ancora qui che si tenne il processo ai gerarchi nazisti alla fine della seconda guerra mondiale. Accanto al suo lato “nero”, la città di Norimberga ha anche altri aspetti interessanti da conoscere quali il museo dei giocattoli che ripercorre la storia del giocattolo; il museo dei Trasporti, e poi ancora la Fortezza dell’Imperatore e il centro storico.
Monaco è una delle città più amate della Germania anche dai turisti italiani. Una città che è quasi una metropoli, con l’atmosfera raccolta e vivibile di una cittadina di periferia. Monaco è testimonianza di come in Baviera le tradizioni culturali e folcloristiche abbiano continuato a vivere sposandosi con la modernità e il futuro di una città fra le più importanti della Nazione. Ricca di teatri e musei e locali di ogni genere e per tutti i gusti, dalle Birrerie ai locali a luci rosse, attira ogni anno un grandissimo numero di turisti anche in occasione dell’Oktoberfest. La cerimonia di apertura dei Mondiali e le partite si terranno nel nuovo stadio Allianz-Arena costruito proprio in occasione dei Mondiali. Contemporaneamente si potrà seguire l’intera manifestazione da un grande schermo posto nel glorioso Olimpia Stadium, mentre l’Olimpia Park sarà animato anche da altre iniziative per tutto il periodo dei mondiali.

Pubblicato: 20/05/2006 Letto: 10716 volte