Viaggio nei borghi e castelli, tra Padova e Verona

Veneto

A settembre rivive tutto il fascino del medioevo,
alla scoperta di sei città murate e dei sapori di una terra generosa.


Il mese di settembre è un’occasione unica per conoscere da vicino la bellezza nascosta di sei gioielli medievali, che custodiscono gelosamente castelli, palazzi e scorci d'incantevole bellezza: un viaggio tra antiche leggende, buon vino e buon cibo, da assaporare assistendo a prove di forza e di abilità che impegnano i duellanti delle “terre di Borghi e Castelli” durante un settembre “gustoso” e “cavalleresco”.
Soave, Cologna Veneta, Bevilacqua, Montagnana, Este e Monselice sono le tappe dell’itinerario dove, per rievocare e rendere vivo un passato che profuma intensamente di storia e leggenda, un fiorire di eventi anima le vie e le piazze di nobili, musici, tenzoni, soldati, battaglie, ma anche di sapori, arte e cultura.


Il primo assaggio può essere assaporato a Soave, città orlata da un’antica cinta muraria con 24 torri, dominata dall’imponente castello, durante la “Festa dell’Uva”, la terza domenica di settembre. È la festa dell’uva più antica d’Italia, che vanta i natali nel lontano 1929 ad opera dell’allora presidente della Cantina Sociale. Durante la Festa si possono degustare i vini e i prodotti tipici nella zona, accompagnati da convegni, mostre, eventi culturali, folkloristici, e sportivi. Il momento culmine si ha con l’apertura della Fontana del Vino, da cui trabocca il famoso “Soave”, e lo spettacolo pirotecnico che illumina il Castello e il borgo di Soave, rendendolo ancora più incantevole e fiabesco.
Non lontano da Soave, a Sprea Badia Calavena (Vr), nell’Est Veronese, la seconda domenica di settembre, si tiene la Festa delle Erbe Officinali nel ristrutturato e rinnovato Erbecedario. Durante la giornata sono previsti convegni su temi erboristici, fitoterapeutici, dell’alimentazione ed ambientali. Sarà possibile degustare menù a base di erbe e di specialità tipiche della Lessinia a cui è possibile far seguire una camminata tra le piante officinali. Durante la giornata avranno luogo delle dimostrazioni di lavorazione delle erbe.
Degustato e visitato il primo tratto del percorso di Borghi e Castelli, ci si può incamminare verso Cologna Veneta, affascinante borgo che annovera resti medievali e veneziani. Durante la prima settimana di settembre le vie e le piazze del centro storico saranno animate e allietate da eventi e manifestazioni durante l’iniziativa “Settembre Colognese”.
Nel tragitto tra Cologna Veneta e Montagnana non può mancare una visita al Castello di Bevilacqua, la cui costruzione iniziò nel lontano 1136, che ancora oggi rivive i fasti del passato grazie ad eventi e manifestazioni medievali che regolarmente si svolgono all’interno delle mura.
Un passato quanto mai “vivo” ci attende a Montagnana, un borgo medievale abbracciato da una possente cinta muraria di quasi 2 km, la prima domenica di settembre con il “Palio dei 10 Comuni del Montagnanese”. La città risuona dello scalpitare dei cavalli irrequieti, del rullare dei tamburi e dagli squilli dei musici e le vie si colorano delle tinte fiammeggianti delle bandiere al vento tra il verde del Vallo della Rocca degli Alberi e il rosso dei mattoni della cinta muraria, dove i 10 Comuni si fronteggiano in prove di destrezza, abilità, forza e coraggio.
Il momento più emozionante della giornata è la corsa dei cavalli in un percorso che ricorda il Circo Massimo romano in cui si sfidano i rappresentanti dei 10 Comuni del Montagnanese in una gara agguerritissima. Alla sera, impedibile, dopo la fiaccolata, lo spettacolare “incendio della Torre”, in ricordo del fuoco appiccato alle mura dal tiranno Ezzelino.
Tra Montagnana ed Este non può mancare una visita a Carceri, che deve la sua fama all’imponente Abbazia che appare improvvisamente tra il verde e che fu per molti secoli un centro di fede e di cultura.
Terra degli Antichi Veneti prima e città feudo degli Estensi poi, Este conserva la possente cinta muraria e l’area del Castello, che, insieme al Museo Archeologico Nazionale, permette una passeggiata tra gli splendori di antichi monumenti e civiltà.
Le prime tre domeniche di settembre Monselice, città antica di secoli, ma dal grande fascino, riapre le porte al Medioevo con “La Giostra della Rocca”. La prima domenica si terranno le Gare degli Scacchi, che richiamano gli appassionati con gran finale in Piazza Mazzini, da cui si può ammirare il grandioso Castello. La seconda domenica di settembre, dal mattino fino “al calar del sole”, si potrà curiosare all’interno del mercatino medievale in costume, assistere alle prove di abilità degli arcieri, di velocità dei staffettisti e di forza nella “Gara della Macina”.
Ma la terza domenica è senza dubbio la più affascinante: una lunga sfilata di oltre mille figuranti, in costume medievale, accompagnati da macchine da guerra in scala naturale del periodo, gruppi artigianali o vere botteghe dell’epoca e per finire il gruppo o il personaggio storico più rappresentativo di ciascuna delle 9 contrade. Nel pomeriggio all’interno della Cava della Rocca continuano le emozioni con la Gara della Quintana: una corsa mozzafiato con prove di abilità: la quintana infatti è un braccio fisso su cui i cavalieri dovranno inserire anelli dal diametro sempre inferiore, fino a decretare la contrada migliore che riceverà l’ambitissimo Palio.
Borghi e Castelli: un itinerario di emozioni medievali e di prelibatezze da gustare.



Eventi di Settembre in Veneto
Dove mangiare e dove dormire

Per informazioni:
Ufficio IAT Montegrotto Terme, tel. 049.8928311
Ufficio IAT Est Veronese, tel. 045.6190773

[ Autore: Borghiecastelli ] Pubblicato: 30/07/2006 Letto: 12813 volte